Filmato con animazionecon Macromedia Flash.

Culture Lontane
Sede operativa:
Via Mazzini 66 12038 Savigliano (CN)  Italy

Tel + 39 0172/726573
Fax + 39 0172/726316
Cell + 39 348/8289315

info@avventurasport.com

AUSTRALIA UNA BOLLA D’ ARIA SULLA TERRA DEI CANGURI

“Un viaggio emozionante alla scoperta della terra dei canguri, ma come se non bastasse con la possibilità di vederla dalla MONGOLFIERA”

 

Logisticamente il viaggio parte da Darwin per ritornarci lungo il percorso della Stuart Highway. Il tragitto ripercorre le tappe della vecchia linea telegrafica che, a partire dal 1874, collegò Port Augusta (nel South Australia) a Darwin. Un nastro d’asfalto lungo oltre 3.000 Km che taglia in due il continente e unisce il nord al sud del paese. Attraverso 2 stati, Northern Territori e South Australia, 2 città, Darwin e Adelaide, vengono così collegate fra loro. Lungo questo percorso, più di un secolo di storia e le gesta di un intero continente. Deve il suo nome a John McDouall Stuart, l’esploratore che nel 1860 lasciò Adelaide, nel South Australia, e con 2 compagni, e 13 cavalli tagliò il continente in due. Il territorio del nord, per le sue condizioni estreme (coste tropicali battute da piogge monsoniche e cicloni, interno arido e desertico), ha resistito a lungo all’ avanzata dei bianchi. Una buona parte del territorio è tornata in mano agli aborigeni, che ne permettono l’accesso dietro il rilascio di un permesso. Basta allontanarsi di qualche Km dalla capitale, Darwin, per trovarsi immersi in una natura aspra e affascinante. Ci dirigeremo in direzione del cuore del continente australiano, e precisamente verso la cittadina di Alice Springs, distante quasi 3.500 Km, così nelle tappe di “avvicinamento” ad Alice Springs con il passaggio a Broken Hill, Devils Marbles ed un infinità di cittadine minerarie abitate dai moderni cercatori d’oro, attraversiamo il Deserto di Simpson, che viene solcato dai veicoli fuoristrada dei cowboys o dai pochissimi turisti con il gusto dell’ avventura. Questo deserto non ha nulla da invidiare a quelli africani, certamente la distanze non sono così elevate, lele difficoltà non sono tali, comunque si tratta sempre di un deserto con le proprie insidie, la propria sabbia, la propria calura.

L’Explorer Highway è un viaggio che, portando da un estremo all’ altro del continente, consente di seguire numerosi itinerari interni che danno la possibilità di conoscere a fondo la poliedrica realtà dell’ immenso territorio che si stà attraversando.

L’off-road, è praticato giornalmente per gli spostamenti necessari da una località all’altra, ben collegate a volte da piste battute e ben segnalate, Kattherine e Matarranka Scopriremo nei piccoli centri abitati dell’ Outback, in particolare nei “pub”, l’essenza più autentica del popolo australiano attraverso i racconti della popolazione locale o semplicemente da ciò che dicono le vecchie fotografie appese ai muri.

Come a Daly Waters e Wycliffe Well, roadhouse che godono di una certa notorietà per la più antica licenza per la vendita del wiskey o per i presunti atterraggi di alieni risalenti a qualche anno fa.

Tennant Creek, città importante per spezzare il viaggio tra Kattherine e Alice Springs, una piacevole cittadina, luminosa, vivace, pulita e ricca di verde che ha il suo cuore nel Todd Mall, zona pedonale lungo la quale si susseguono caffetterie, ristorantini, gallerie commerciali, negozi di artigianato locale e di souvenirs.

Kings Canyon e la spettacolare Palm Valley per arrivare a Uluru, o Ayers Rock il vero simbolo dell’ Australia; ed è proprio nel famosissimo deserto rosso che ci soffermeremo a volare in mongolfiera e potremo aggiungere un affascinantissimo punto di vista in abituale.

Le Olgas, chiamate in lingua aborigena Kata Tjuta che significa molte teste, localizzate a circa 50Km da Yulara hanno con Uluru in comune il colore al tramonto, dove svelano tutto il loro  maestoso fascino sprigionando dal curioso colore della roccia infinite tonalità di rosso che cambiano all’ impercettibile mutare della luce. Da Erldunda il nostro viaggio continua in direzione Nord verso l’Arnhem Land, la terra degli aborigeni e il Kakadu National Park. Jabiru, è logisticamente il posto migliore per organizzare la visita del parco. Attraverseremo le terre degli aborigeni in fuoristrada fino alla scarpata rocciosa “Ubirr Rock”, uno dei luoghi più suggestivi di tutto il Top Ten. Con il nome di Yellow Waters è definita la laguna interna formata dal Jim Jim Creek da cui si formano le Jim Jim Falls, bellissime cascate il cui salto raggiunge i 220m e che hanno fatto da cornice, insieme ad altri luoghi del Kakadu, al film “Mr. Croccodille Dundee”. Una deviazione poco distante ci porta con uno sterrato impegnativo e polveroso, alle Twin Falls altre bellissime cascate che ci ripagheranno della fatica per raggiungerle. Da Cooinda inizieremo la navigazione con una piccola imbarcazione sulle Yellow Waters attraverso acque basse spesso ricoperte da ninfee e fiancheggiate da vegetazione lussureggiante.

 

PROGRAMMA

Date consigliate:
Agosto.

Durata:
21 giorni

Note:
Possibilità di effettuare il viaggio con la propria moto. Sono necessari PASSAPORTO e CARNET

 

TORNA ALL'INDICE DEI VIAGGI ORGANIZZATI

Professione Avventura sport Copyright 2006-2007 P. IVA 03121200454 .
Webdesign and Hosting LRC Servizi Internet
Tu sei il visitatore n: